.
Annunci online

  ilbokkaglio [ quando tutto ti sommerge... ]
         


 Novità!



Atlantide.
variegato di pensieri intorno alla nostra  bellissima isola.



Oggi la rete ha pescato 4 nuovi pesciolini: il direttore della casa correzionale "desnoaus", ci ha concesso e connesso a internet.

Per amor nostro (e di chi vorrà farci visita) veniamo a presentarci:

TUBETTO 
 detenuto n° 9760


DeMoNsSs    
detenuto n° 0679
(evaso)

ArmaVirumqueCano

detenuto n°
3,1415926535897
(trasferito)


NURAGHE
detenuto n° mille

SIAMO LA PLEBE CHE TERRORIZZAVA gioberti,
noi PERO' NON ABBIAMO PREVALSO SUL VOSTRO stato!.


Sign for NO ALL'ENERGIA NUCLEARE, SI' ALL'ENERGIA SOLARE !


30 aprile 2010

eit'è rivolutzione?

eit'è rivolutzione?

sa prus parte de s'istoria, in iscola et forasa, est fatta de rivolutziones:
sa perda,s'orrora,su ferru,sos elefantes de annibale.su 'iru oponibile.
s'iscritura,sa bomba nucleare,su bikini,sos giacobinos, soveticos nazistas et fascistas.
sa mongolfiera,su cinema,is fibras oticas,su transistor.
sa carcina,is canis "in sa luna",is fabricas,su trenu y su gas.
su petrollu,s'istampa, sa mini-fardetta,sa bruvura,su fogu...deusu.
sa plastica,sa pastorizatzione,is trapiantur de coru.
su motore a iscopiu, su partu cesareo, sor satellites artifitziales.
su cantu a tenore,sas bandelas,ir drogas,su birdi,su pani.
sa televisione,custu lampu 'e inernet.is oglieras,sa robotica.
eita totu no mi subengiu...
eit'esti rivolutzione?
eita no esti rivolutzione!
si naras omini,naras rivolutzione.
si pensu omini,pensu rivolutzione.
un omini chi pensat est sa prur manna...rivolutzione!
s'istoria imparat ca no est obrigu a nos si occiri po fai sa rivolutzione.
sa prur bella est su topless.
basus a brincu,
bok.


ahi uomo,che t'hanno insegnato ad uccidere...
...poi, mentre provavi piacere a farlo, ti hanno detto di smettere.
ahi uomo,che ti han costretto a pensare...
...poi, mentre ci provavi gusto, ti hanno detto di non farlo più.
baci,bok.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 30/4/2010 alle 11:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



28 aprile 2010

SA DIE DE SA SARDIGNA

Su patriottu sardu a sos feudatarios


Procurade 'e moderare,
barones, sa tirannia,
chi si no, pro vida mia,
torrades a pe in terra!
Declarada est già sa gherra
contra de sa prepotenzia,
e cominzat sa passienzia
in su populu a mancare.

Mirade ch'est azzendende
contra de ois su fogu,
mirade chi no est giogu,
chi sa cosa andat 'e veras,
mirade chi sas aeras
minettana temporale,
zente consizzada male,
iscultade sa oghe mia.

No apprettedas s'isprone
a su poveru runzinu
si no in mesu caminu
s'arrempellat de appuradu,
minzi ch'es lanzu et cansadu
et non nde podet piusu,
finalmente a fundu in susu
s'imbastu nd'hat a bettare.

Su pobulu chi in profundu
letargu fit sepultadu
finalmente desperadu
s'abbizzat ch'est in cadena,
ch'istat suffrende sa pena
de s'indolenzia antiga:
feudu, legge inimiga,
a bona filosofia.

Che ch’esseret una inza,
una tanca, unu cunzadu,
sas biddas hana donadu
de regalu o a benedissione,
comente unu cumone
de bestias berveghinas
sos homines e feminas
hant bendidu cun sa cria.

Pro pagas mizas de liras
et tal’olta pro niente
isclavas eternamente
tantas pobulassiones
et migliares de persones
servine a unu tiranu:
poveru generu humanu,
povera sarda zenia!

Deghe o doighi familias
s'hant partidu sa Sardigna,
de una manera indigna
sinde sun fattas pobiddas;
divididu s'hant sas biddas
in sa zega antighidade,
però sa presente edade
lu pensat remediare.

Naschet su sardu suggettu
a milli cumandamentos,
tributos et pagamentos
chi faghet a su segnore
in bestiamen et laore,
in dinari et in natura;
et pagat pro sa pastura,
et pagat pro laurare.

Meda innantis de sos feudos
esistiant sas biddas
et issas fini pobiddas
de saltos et bidattones:
comente a bois, barones,
sa cosa anzena est passada?
Cuddu chi bos l'hat donada
non bos la podiat dare.

No est mai presumibile
chi voluntariamente
hapat sa povera zente
zedidu a tale derettu,
su titulo est'infettu,
de infeudassione,
et i sas biddas reione
tenen de l'impugnare.

Sas tassas in su prinzipiu
esigiazis limitadas,
dai pustis sunu andadas
ogni die aumentende,
a misura chi creschende
sezis andados in fastu,
a misura chi in su gastu
lassezis s’economia.

No bos balet allegare
s'antiga possessione:
cun minettas de presone,
cun castigos et cun penas,
cun zippos et cun cadenas
sos poveros ignorantes
derettos esorbitantes
hazis forzadu a pagare.

A su mancu s'impleeren
in mantenner sa giustissia
gastighende sa malissia
de sos malos de su logu:
a su mancu disaogu
sos bonos poterant tenner,
porerant andare et benner
seguros peri sa via.

Est cussu s'unicu fine
de dogni tassa et derettu:
chi seguru et chi chiettu
sutta sa legge si vivat;
de custu fine nos privat
su barone pro avarissia,
in sos gastos de giustissia
faghet solu economia.

Su primu chi si presentat
si nominat offissiale,
fattat bene et fattat male
bastat non chirchet salariu,
procuradore o notariu,
o camareri o lacaju,
siat murru o siat baju
est bonu pro guvernare.

Bastat chi prestet sa manu
pro fagher crescher sa renta,
bastat chi fettat cuntenta
sa buscia de su segnore,
ch’aggiuet a su fattore
a crobare prontamente,
missu o atera zente
chi l'iscat esecutare.

A boltas de podattariu,
guvernat su cappellanu
sas biddas cun una manu,
cun s'attera sa dispensa;
feudatariu, pensa,
chi sos vassallos non tenes
solu pro crescher sos benes,
solu pro los iscorzare.

Su patrimoniu, sa vida,
pro difender su villanu
cun sas armas in sa manu
cheret ch'istet notte e die,
già ch'hat a esser gasie
proite tantu tributu?
Si non sind'hat haer fruttu
est locura su pagare.

Si su barone non faghet
s’obbligassione sua,
vassallu, de parte tua,
a nudda ses obbligadu,
sos deretos ch'hat crobadu
in tantos annos passados
sunu dinaris furados
et ti los devet torrare.

Sas rentas servini solu
pro mantenner ciccisbeas,
pro carrozzas et livreas,
pro inutiles servissios,
pro alimentare vissios,
pro giogare a sa basetta
e pro poder sa braghetta
fora de domo isfogare.

Pro poder tenner piattos
bindighi e vinti in sa mesa,
pro chi potat sa marchesa
sempre andare in portantina:
s'iscarpa istrinta, meschina!
la faghent andare a toppu,
sas pedras punghene troppu
et non podet camminare.

Pro una litera solu
su vassallu poverinu
faghet dies de caminu
a pe' senz'esser pagadu,
mesu iscurzu e isporzadu
espost’a dogni inclemenzia,
eppuru tenet passienzia,
eppuru devet cagliare.

Ecco comente s'impleat
de su poveru su suore.
Comente, eternu Segnore,
suffrides tale ingiustissia!
Bois, divina giustissia,
remediade sas cosas,
bois da ispinas rosas
solu podides bogare!

O poveros de sas biddas,
trabagliende, trabagliende
in zittade mantenzende
tantos caddos de istalla,
a bois lassant sa palla,
issos regoglint su ranu
et pensant sero e manzanu
solamente a ingrassare.

Su segnor feudatariu
a sas undighi si pesat;
dae su lettu a sa mesa
dae sa mesa a su giogu
e pustis pro disaogu
andat a ciccisbeare,
giompende a iscurigare
teatru, ballu, allegria.

Cantu differentemente
su vassallu passat s’ora:
innantis de s’aurora
già est bessidu in campagna,
bentu et nie in sa muntagna,
in su paris sole ardente,
oh poverittu comente
lu podet agguantare?

Cun su zappu et cun s'aradu
peleat tota sa die,
a hora de mesu die
si zibat de solu pane;
mezus paschidu est su cane
de su barone in zittade
s'est de cudda calidade
chi in falda solent portare.

Timende chi si reforment
disordines tantu mannos
cun manizzos et ingannos
sas cortes hant impedidu
et isperdere hant cherfidu
sos patrizios pius zelantes,
nende chi fin petulantes
et contra sa monarchia.

Ai cuddos ch'in favore
de sa patria hant peroradu,
chi s'ispada hana ogadu
pro sa causa comune,
o a su tuju sa fune
cheriant ponner meschinos
o comente giacobbinos
los cheriant massacrare.

Però su Chelu hat difesu
sos bonos visibilmente,
atterradu hat su potente,
et i s'umile esaltadu,
Deus chi s’est declaradu
pro custa patria nostra
de ogni insidia bostra
isse nos hat a salvare.

Perfidu feudatariu
pro interesse privadu
protettore declaradu
ses de su piamontesu,
cun issu ti fisti intesu
cun meda fazzilidade:
isse pagada in zittade
et tue in bidda a porfia.

Fit pro sos piamontesos
sa Sardigna una cuccagna:
che in sas Indias d'Ispagna
issos incontrant inoghe;
nos alzaiat sa boghe
finzas unu camareri:
o plebeu o cavaglieri,
si deviat humiliare.

Issos dae custa terra
ch'hana ogadu migliones,
beniant senza calzones
e si nd'andànt gallonados;
mai ch'esserent istados
chi ch'hana postu su fogu,
malaittu cuddu logu
chi criat tale zenia!

Issos inoghe incontràna
vantaggiosos imeneos,
pro issos fint sos impleos,
pro issos fint sos honores,
sas dignidades mazores
de cheja, toga et ispada,
et a su sardu restàda
una fune a s'impiccare!

Sos disculos nos mandàna
pro castigu et curressione,
cun paga et cun pensione,
cun impleu et con patente;
in Moscovia tale zente
si mandada a sa Siberia
pro chi morzat de miseria,
però non pro guvernare.

Intantu in s'isula nostra
numerosa gioventude
de talentu et de virtude
oziosa la lassàna,
et si alguna nd'impleàna
chircaiant su pius tontu,
pro chi lis torràt a contu
cun zente zega a trattare.

Si in impleos subalternos
algunu sardu avanzàna
in regalos non bastàna
su mesu de su salariu:
mandare fit nezzessariu
caddos de casta a Torinu
et bonas cascias de binu,
muscadellu et malvasia.  

Tirare a su piamontesu
sa prata nostra et i s'oro
est de su guvernu issoro
massima fundamentale,
su regnu andet ben’o male
non lis importat niente,
antis crent incumbeniente
lassarelu prosperare.

S'isula hana arruinadu
custa razza de bastardos,
sos privilegios sardos
issos nos hana leadu,
dae sos archivios furadu
nos hana sas mezzus pezzas
et che iscritturas bezzas
las hana fattas brujare.

De custu flagellu in parte
Deus nos hat liberadu,
sos sardos ch'hana ogadu
custu dannosu inimigu;
et tue li ses amigu,
o sardu barone indignu,
et tue ses in s'impignu
de nde lu fagher torrare?

Pro custu iscaradamente
preigas pro Piamonte,
falzu chi portas in fronte
su marcu de traitore;
fizas tuas tant'honore
faghent a su furisteri,
mancari siat basseri
bastat chi sardu no siat.

S'accas'andas a Torinu
inie basare des
a su ministru sos pes
et ater su..., già m'intendes;
pro ottenner su chi pretendes
bendes sa patria tua
et procuras forsi a cua
sos sardos iscreditare.

Sa buscia lassas inie
et in premiu nde torras
una rughitta in pettorras,
una jae in su traseri;
pro fagher su quarteri
sa domo has arruinadu
et titul’has acchistadu
de traittore et ispia.

Su Chelu non lassat sempre
sa malissia triunfare,
su mundu det reformare
sas cosas ch'andana male:
su sistema feudale
non podet durare meda,
custu bender pro moneda
sos pobulos det sensare.

S'homine chi s'impostura
haiat già degradadu
paret chi ad s'antigu gradu
alzare cherfat de nou;
paret chi su rangu sou
pretendat s'humanidade;
sardos mios, isculdade
et sighide custa ghia.

Custos pobulos, est s'hora
d'estipare sos abusos:
a terra sos malos usos,
a terra su dispotismu,
gherra gherra a s'egoismu
et gherra a sos oppressores,
custos tirannos minores
est prezisu humiliare.

Si non calchi die a mossu
bos nde segade su didu,
como ch'est su filu ordidu
a bois toccat a tessere,
minzi chi poi det esser
tardu s'arrepentimentu,
cando si tenet su bentu
est prezzisu bentulare.


(si podet lezere a ratas o a prummu..paret iscrita erisi!)
basus,bok.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 28/4/2010 alle 1:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa



25 aprile 2010

b.r.*25aprile2010

b.r.*25aprile2010
arrivo in piazza del comune e non siamo milioni..."neanche un prete per chiacchierar.."
reduci bersaglieri al passo,anpi e alpini e bandiere.
un uomo con le pastarelle domenicali.un gruppetto di  irriducibili compagne in tenuta rossa.
qualche ''barbudo''.due york shire con relativi accompagnatori...
un furgoncino passa piano,si ferma, si chiede cosa stia succedendo, poi tira dritto convinto si tratti di un matrimonio o qualcosa del genere.
arriva la banda..le compagne cheerleaders non trattengono il proprio corpo e si lanciano ad inseguirne
le note.ora la piazza è gremita..due treenni si salutano e abbracciano:"ciao franci,guarda:mi son comprata le geox!": verranno premiate di lì a poco per l'operazione"grazie nonno"!
un alpino reduce fà presente ad un doppiopettista:se entri in provincia, ricordati di noi che siamo anche protezione civile...il doppiopettista prende nota e rassicura tutti. ci accingiamo a varcare il portone di palazzo ducale, ignobilmente "tenuto chiuso dalla giunta precedente,nei 25aprile precedenti",sottolineeranno  sindaco e presidente provinciale,nei rispettivi discorsi.
una volta dentro,si depongono due corone d'alloro in memoria dei resistenti caduti.la banda attacca con l'inno nazionale.subito dopo la piazza intona a cappella oh bella ciao.una del gruppetto si lancia in un assolo in controcanto da applausi.la neonata sezione anpi consegna tessere onorarie alle autorità.le autorità consegnano medaglie ricordo ai bambini delle scuole.la banda si esibisce in un bis di oh bella ciao.brividi di libertà.a tutti viene consegnata una breve pubblicazione con "versi" di calamandrei e lettere di partigiani fucilati...la cerimonia è conclusa.mi infilo ordinatamente in una fila disordinata:è il momento degli autografi(?).la presidente di provincia bacia bambini,in posizione accosciata, scrive dediche su calamandrei. si depila le gambe solo sotto il ginocchio,a filo di gonna.il sindaco suda ma è felice e autografa calamadrei e stringe mani.
la festa è finita,siamo liberi...e la speranza di un mondo migliore ha,seppur carente di geox, i capelli d'oro e la voce di una duenne e mezzo che chiede al papà di portarla a vedere una mostra.
io?...a tratti ho pianto.
buona libertà.
baci,bok.


*breve reportage.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 25/4/2010 alle 12:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



18 aprile 2010

alberi

in un giorno lontano, in un bosco ancora più lontano,lontano da tutto,era in corso una festa,si festeggiava il risveglio della vita.tutti erano allegri e cantavano e muovevano rami e foglie al ritmo del vento e dell'acqua del ruscello.a mano a mano che si risvegliavano,salutavano i vecchi amici e quelli ormai andati.salutavano i nuovi arrivati e i più grandi aprivano le proprie fronde perchè la luce potesse raggiungerli.e le richiudevano, quando il vento da su,correva troppo forte che rischiava di spezzarli.e li incoraggiavano a venir su dritti e in fretta...

la festa proseguiva ormai da diverso tempo quando,borbottando qualcosa di incomprensibile contro il tempo e non meglio precisati acciacchi,ecco svegliarsi dal suo lungo letargo, l'albero più vecchio di tutto quel bosco lontano.aveva, raccontavano i più grandi ai nuovi venuti, tremila o quattromila anni..ed era il più saggio e sapiente di tutti,si dice che sapesse guarire dalle malattie e che una volta abbia  addirittura giocato a calcetto:faceva il palo o forse la traversa.si dice che abbia solcato i sette mari e bevuto il vino più buono del mondo...''cannonau, era un cannonau del 2010 a.c!''-proruppe il vecchio richiamando l'attenzione di tutti, che di colpo smisero di parlare e tesero le foglie ad ascoltarlo meglio.
''buona vita a voi,splendido bosco,buona vita a voi splendidi amici''-''buon risveglio a te magnifico vecchio''-gli fece eco il bosco.
''rendiamo grazia alla grande dea madre,fratelli, che ci dà la vita.rendiamo grazia per questa vita,rendiamo grazia per quella dopo, quando ognuno di noi sarà sedia, carbone, culla o cassa da morto''..diceva in tono solenne il vecchio...
''io-lo interruppe spontaneo e leggero,il più piccolo di tutto il bosco- io,io voglio essere un'altalena''.tutti risero...
''ben arrivato splendida altalena!''- rispose ridendo l'albero vecchio,chinandosi lievemente verso il piccolo,per accarezzargli la chioma.tutto il bosco rise col vecchio e accarezzò il piccolo.e la festa,in quel bosco felice durò ancora per tanto tanto tempo..




permalink | inviato da ilbokkaglio il 18/4/2010 alle 6:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo        maggio
 


Ultime cose
Il mio profilo



E = mc²
fulmini
gracespace
l'altravoce.net
Ninetta
katesteriza
paoletta
studium
cicciapasticcia
liberaliperisraele
vulvia
Vedere oltre
visionidiblimunda
prishilla
LaBruna


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom